Sunday, 30 December 2012

12 releases for 2012

Cherly KaCherly - “Misadventure of a Meaty Machine” (birdsong 040) Goto80 and the Uwe Schenk Band - “The Ferret Show” (Upitup Records 052) Indian Wells - "Night Drops" (Bad Panda Records 02) mmpsuf - "Retina" - (Sutemos 031) Muhr - "Hantises" (Camomille 018) Plusplus - "Game Over" (La bèl netlabel 016) Talk Less, Say More - "England without rain" (Records On Ribs 037) The Aaron Boudreaux Special - "Summer Between Somewheres" (self released) The Plastic Jazz Orchestra - "39°" (Headphonica 096) The Townhouses - "Diaspora" (Yes Please) Tiny Hazard - "Tiny Hazard" (self released) Various Artists - "Hope 3.0" (Element Perspective 111)



In alphabetic order:

Cherly KaCherly - “Misadventure of a Meaty Machine” (birdsong 040)

Artist: Cherly KaCherly
Title: Misadventure of a Meaty Machine
Label: birdsong
Style: electronica, hybrid, alternative
Date: February 01, 2012
"Una scelta dei suoni accattivante, tra moderna psichedelia e stati allucinogeni controllati..." (review)


_________________________________________________________________________________

Goto80 and the Uwe Schenk Band - “The Ferret Show” (Upitup Records 052)


Artist: Goto80 and the Uwe Schenk Band
Title: The Ferret Show
Label: Upitup Records
Style: chiptune, jazz, funk, impro
Date: December 11, 2012
RELEASE PAGE
"Una miscela esplosiva di chiptune music, swing e jazz che suona alle mie orecchie come qualcosa di mai ascoltato fino ad ora." (review)


_________________________________________________________________________________

Indian Wells - "Night Drops" (Bad Panda Records 02)

Artist: Indian Wells
Title: Night Drops
Label: Bad Panda Records
Style: electronic, tennistronic, downtempo
Date: June 28, 2012
"Sample trattati con cura e dedizione e ritmiche ricercate e contagiose..." 
(review)


_________________________________________________________________________________

mmpsuf - "Retina" - (Sutemos 031)

Artist: mmpsuf
Title: Retina
Label: Sutemos
Style: electronic, acoustic, experimental
Date: March 18, 2012
RELEASE PAGE
"Retina" è dedicato alla bellezza..."Retina" è bellezza musicale.


_________________________________________________________________________________

Muhr - "Hantises" (Camomille 018)


Artist: Muhr
Title: Hantises
Label: Camomille
Style: trip-hop, electronic
Date: August 31, 2012
RELEASE PAGE
"Vincent Fugère ha creato un album dal sound miracoloso, che sfiora alcune tappe del trip-hop del recente passato..." (review)


_________________________________________________________________________________

Plusplus - "Game Over" (La bèl netlabel 016)

Artist: Plusplus
Title: Game Over
Label: La bèl netlabel
Style: acoustic, folk, instrumental
Date: September 08, 2012
RELEASE PAGE
"...distese di fiori che sbocciano al rallenty simultaneamente..."


_________________________________________________________________________________

Talk Less, Say More - "England without rain" (Records On Ribs 037)

Artist: Talk Less, Say More
Title: England without rain
Label: Records On Ribs
Style: pop, electronic
Date: February 26, 2012
RELEASE PAGE
"37 minuti di perfezione pop post-moderna."


_________________________________________________________________________________

The Aaron Boudreaux Special - "Summer Between Somewheres" (self released)

Artist: The Aaron Boudreaux Special
Title: Summer Between Somewheres
Label: self released
Style: indie, pop, rock
Date: April 05, 2012
RELEASE PAGE
"Armonizzazioni vocali e arrangiamenti raffinati."


_________________________________________________________________________________

The Plastic Jazz Orchestra - "39°" (Headphonica 096)


Artist: The Plastic Jazz Orchestra
Title: 39°
Label: Headphonica
Style: electronic, nojazz, sample
Date: March 12, 2012
RELEASE PAGE
"Un'eccezionale capacità nel miscelare influenze e generi..."


_________________________________________________________________________________

The Townhouses - "Diaspora" (Yes Please)

Artist: The Townhouses
Title: Diaspora
Label: Yes Please
Style: electronica, pop, dreamy
Date: November 20, 2012
RELEASE PAGE
"Diaspora" è un album che si pone in bilico tra un'omogeneità sonora e una varietà di stili amalgamati egregiamente tra di loro. (review)


________________________________________________________________________________

Tiny Hazard - "Tiny Hazard" (self released)

Artist: Tiny Hazard
Title: Tiny Hazard
Label: self released
Style: experimental, other-pop, progressive
Date: November 17, 2012
RELEASE PAGE
"...tutto l'insieme è poesia sonora, dai leggeri tocchi di piano, alle chitarre distorte, agli accordi ricercati." (review)


_________________________________________________________________________________

Various Artists - "Hope 3.0" (Element Perspective 111)

Artist: Various
Title: Hope 3.0
Label: Element Perspective
Style: electronica, acoustic, ambient
Date: November 19, 2012
RELEASE PAGE
"Hope 3.0 è musica elettronica (ma non solo) giapponese di alta qualità."


_________________________________________________________________________________




Thursday, 27 December 2012

Sun Glitters - "It's snowing and the girls are singing" (self released)

"Sun Glitters sound is an ocean of lush melodies, pitch-shifted vocal samples, ghostly digi-diva choirs, warm bass melodies driven by alternately dense and relaxing beatwork combinations between downtempo and wonky beats."

La mia attenzione ricade immediatamente su quelle bass-drum cattura-frequenze che allagano con onde stranianti l'ascolto. Forse può sembrare ripetitivo ma l'atmosfera che si crea brano dopo brano, ascolto dopo ascolto mi trascina in un senso di smarrimento, effetto da psicofarmaci gratuito, evitando di abusare un'altra volta del proprio fisico. Se questo è il suddetto wonky beats allora lo adoro. Una lentezza ritmica che procede su continui inciampi, annegando le proprie scarpe su pozzanghere psichedeliche a intermittenza. Vocalist femminili che si alternano in abissali meditazioni. Catene che scolpiscono il terreno offrendo nuovi solchi, nuovi percorsi per ruscelli improvvisati da nuvole distratte. Rimescolamento ed evoluzione in un incessante movimento. Mi avventuro in una graduale smaterializzazione attraverso filtri di svariate famiglie...abbasso lo sguardo...frequenze tagliate giacciono a terra sanguinanti.



Artist: Sun Glitters (FB)
Title: It's snowing and the girls are singing
Label: self released
Style: electronica,dreampop
Date: December 24, 2012


Wednesday, 26 December 2012

The Fucked Up Beat - "Rust Belt" (Nostress Netlabel 035)

"We have been chased by schizophrenic wolves in the forest and we still are not tired.  We traveled to the far ends of a nuclear winter. We slept in the shit and vomit of our ancestors. We felt the fear and went to the telephone. Like Bogart, searching for desperate positions. We find solace in your regret, happiness in your sorrow, and a place to bury ideas. On a boat, there is no lighthouse on the seas, death comes fast and the whale will kill us all. If I Should die at the end of the world, will fight the ocean and sink her ship with a thousand harpoons."(The Fucked Up Beat)

Il lavoro svolto da Eddie Palmer e Brett Zehner è affascinante. Usciti nel giro di pochi mesi con Haze e PicPack con due straordinari album, citati dal lodevole Free Music Archive, ripropongono ora "Rust Belt", doppio album uscito inizialmente in self released nel settembre 2012, ed ora riproposto dall’italiana Nostress Netlabel. Immancabile la tribalitá ipnotica che contraddistingue il sound del duo americano. L’interno buio di una scatola di marionette dimenticate nello sfondo di una pace domestica. Elefanti in strada circondati da milioni di formiche dalle sembianze umane ancora in piena fase di inconsapevolezza. Il suono disperato di un’umanità che non sa a chi chiedere aiuto. Ragnatele inestricabili di informazioni che moltiplicano la già insopportabile confusione presente. Il segnale è sempre più disturbato dal puzzo magnetico di ampie discariche di dati. Cerchi nell’acqua tagliati da lame ruvide di vecchie registrazioni impolverate. The Fucked Up Beat sono prolifici, tribalmente aggressivi, piegano e ripiegano con le mani sporche un impasto fatto di presente e passato, modellando con sicurezza la loro creatura rendendola unica e estremamente personale. Tra le sorprese più piacevoli del mio 2012 musicale.


Artist: The Fucked Up Beat (FB)
Title: Rust Belt
Label: Nostress Netlabel
Style: Experimental, Schizo, Noir, Trip Hop,
Date: December 21, 2012



Monday, 24 December 2012

fuyuru - "anemone" (self released)

pianoforti dimenticati in soffusi fondali marini. ecco i suoni delle dimensioni a noi vietate. dolcezza orientale relegata nell’insieme di proprie intime note. dalla stanza blu del sottomarino una voce femminile modella elettronicitá meccanicamente ondulate. il ribollire della minestra del gigante accerchiata da zanzare affamate sotto una pioggia di bit in larsen. strati paralleli che si trasmettono informazioni da impalpabili barriere gassose. il deserto riprogettato all’interno di un forno a microonde evidenziandone i contrasti. palline bianche in campi ristretti reagiscono all’oppressione. forze magnetiche mi riconducono cullandomi negli antichi e saggi fondali marini. i tabulati di un’umanità confusa e incerta sono pronti. tu puoi cambiare la storia? tu puoi accedere alle informazioni?  

Artist: fuyuru
Title: anemone
Label: self released (Bandcamp)
Style: electronica,ambient
Date: December 11, 2012


Thursday, 20 December 2012

Malpas - "Where The River Runs EP" (Killing Moon)

"When songwriter, Ali M Forbes, and producer, Andy Savours, got together to experiment with folksy yet electronically shifting sounds, it started a slippery sonic path towards Malpas, a project where intense singer-songwriting meets chopping and cutting production work that adds a whole new layer to the initial force of a simple voice and an idea." (Middle Boop Mag)

Scopro questa band di Birmingham per puro caso, navigando per il web in cerca di emozioni sonore distanziandomi dalle mie abituali fonti di informazione. Malpas mi catturano l'attenzione per il perfetto dosaggio elettro-acustico ed una elevata dose di passionalità trasmessa soprattutto dal cantante Ali M Forbes. Pop-songs dalle atmosfere malinconiche rivestite da  un impeccabile british-style. Strutture ricercate lontane dal classico strofa-ritornello-strofa-ritornello-cambio-ritornello. Basta ascoltare il crescendo denso di tensione elettronica del brano d'apertura, "Where The River Runs", per farsi un'idea delle ottime qualità della band inglese. Melodie che profumano di ambienti travolti delicatamente dal cambio di stagione autunno-invernale. Melodie che facilmente si rendono prigioniere di una sovraffollata memoria musicale. Armonizzazioni vocali dai sapori folk (Sea decide) catapultano in paesaggi seppiati o in tinte blu sbiadite (come l'immagine di copertina suggerisce). Il sound perfetto per accompagnare questi giorni pre-natalizi.


Artist: Malpas (FB)
Title: WhereThe River Runs EP
Label: Killing Moon
Style: electronic, acoustic
Date: December 17, 2012


Monday, 17 December 2012

Tetsuya Hikita+NIL - "utakata++" (Bunkai-kei 035)

fantafuturo. suoni dallo spazio. solitudine interstellare. lievissimi battiti di un’umanità confusa zig-zagante in una oscura profondità. petti che vibrano. piccoli e pallidi seni orientali che vibrano. intraprendenti e intelligenti giapponesi che bussano alla porta di warp chiedendo gentilmente di thom. microsuoni, glitch? elettronica stropicciata e impossibile da stirare. cucine orbitanti abilitate alla fabbricazione di pasticche iper-vitaminiche. quattro quarti abilmente travestiti da tempi dispari. enigmi ritmici afrodisiaci. preferirei una solitudine in immense distese spazio-temporali o in buie profonditá oceaniche? l’inconsistente voce del nulla che mi chiama. electronic, ambient, cosmic...lettere che formano parole...parole che in funzione loop perdono immediatamente il loro significato. Tetsuya Hikita. NIL. Bunkai-kei. elettronica giapponese. alta qualità. punto


Artist: Tetsuya Hikita+NIL
Title: utakata++
Label: Bunkai-kei Records
Style: electronica,dub,experimental
Date: December 13, 2012

DOWNLOAD


Friday, 14 December 2012

Goto80 and the Uwe Schenk Band - “The Ferret Show” (Upitup Records 052)

"This is a live recording from Uwe Schenkt Trifft in Stuttgart October 2012. This is probably the first musical that combines C64 and text graphics, with acoustic instruments and improvisation. Goto80's music was re-arranged for 4 musicians, according to the story of the ferret. The video recording is available at Uwe Schenk Trifft... and Youtube." (Upitup Records)

Questo album è uno spasso!
Ha prepotentemente invaso l'audio delle mie ultime giornate. Una miscela esplosiva di chiptune music, swing e jazz che suona alle mie orecchie come qualcosa di mai ascoltato fino ad ora. Un avvenimento che capita raramente nel corso di un anno di assidui ascolti. "The Ferret Show" è la registrazione dello spettacolo audio-visuale ideato dalla Uwe Schenk Band Goto80, tenutosi a Stoccarda nell'ottobre del 2012. Questo è probabilmente il primo caso di combinazione tra grafica C64, testo, strumenti acustici e improvvisazione. La musica di Goto80 (Anders Carlsson, 1981), eccentrico musicista-sperimentatore legato alla scena 8bit, è stata qui ri-arrangiata per i 4 musicisti dell'eccellente Uwe Schenk Band. L'amalgama dirompente di queste cinque tracce è dato soprattutto dalla particolarità dei suoni 8bit legati all'originale jazz-sound del quartetto, caratterizzato soprattutto dall'uso della spinetta (antico strumento del XVI secolo) di Uwe Schenk. Per apprezzare interamente questo progetto consiglio di guardare anche il video dell'evento, in cui il visual di Raquel Meyers gioca una parte fondamentale. "Cable Swingin' Ferret" è puro divertissement swing, tra soli di di basso, free-jazz, profumi standard, ghigni sfottenti ed un finale alla mission impossible dall'irresistibile groove. "Decibel Detektif" è funk poliziesco, inseguimenti e trappole all'interno di videogame datati. "Thriller Iller" si sposta invece su elementi più ambient/sperimentali, magma sotterraneo in lenta ebollizione. Per giungere infine al gran finale di "Volksing Ferretismico", eccezionale melting-pot di dance, 8bit, sagre di paese, atmosfere circensi, libera improvvisazione e quant'altro. Questo album è a mio parere un piccolo capolavoro che inserirò sicuramente nella lista dei top album 2012.


Goto80 & Uwe Schenk Band


Artist: Goto80 and the Uwe Schenk Band
Title: The Ferret Show
Label: Upitup Records
Style: chiptune, jazz, funk, impro,
Date: December 11, 2012

DOWNLOAD





Thursday, 13 December 2012

Jan Grünfeld - "A Trace" (Headphonica 105)

"The last four or five years I followed a trail. Plenty of footprints. I collected tracks, pointing in different directions. Now the traces are almost beyond recognition. But you can still listen to it. This is so cool! Goodbye little island!" (Jan Grünfeld)

Ci sono degli artisti a cui ci si affeziona e quando giunge improvvisamente un loro nuovo album è sempre una piccola emozione. Anche se bisogna ammettere che in questi tempi moderni vissuti all'interno di social network e sommersi da milioni di informazioni, la distanza tra ascoltatore e artista si è fatta veramente sottile. Ed infatti alcuni brani di questo nuovo lavoro di Jan Grünfeld ho avuto modo di apprezzarli nei mesi passati all'interno della sua pagina Soundcloud. Il musicista tedesco prosegue il suo discorso, o meglio, il suo sentiero segnato da numerose impronte, con determinazione e personalità. Intimità acustica, tra allegre cicale innamorate che danzano sugli arpeggi malinconico/speranzosi della chitarra di Jan (In the fields). Intravedo i capelli di Robert Smith spuntare dal tronco di un albero (The ticket). Confidenze timidamente trasmesse con le corde della chitarra a pochi amici fidati. "A Trace" è come il fuoco di un caminetto, dove tra uno scoppiettio e l'altro e misteriose ombre proiettate sul muro in sfumati movimenti, l'ambiente si intiepidisce regalando alle persone presenti un'inconsapevole benessere. Jan Grünfeld sa costruire eccellenti colonne sonore per scene comuni di vita quotidiana (compresi anche i rumori domestici).




Jan Grünfel

Artist: Jan Grünfeld (FB)
Title: A Trace
Label: Headphonica
Style: acoustic,guitar,ambient
Date: December 11, 2012








Wednesday, 12 December 2012

Claudio Nuñez - "December last poems" (Acustronica 032)

"...the music loosely evokes the feeling of some of my favorite jazz piano trios (the udu replacing a regular drum set): Paul Bley, Bill Evans, Keith Jarrett... a little more toward free improvisation since there are not tunes or structures previous to the playing itself..."

Quando si parla di Acustronica non ci sono molte parole da scrivere, basta solamente chiudere gli occhi e abbandonarsi alla musica di qualità che la netlabel umbra sa offrire costantemente ai suoi ascoltatori. E' il caso anche di questa ultima release firmata da Claudio Nuñez, eccellente poli-strumentista argentino con alle spalle pregevoli collaborazioni, 7 CD e più di una decina di album rilasciati da importanti netlabels, tra cui Clinical Archives, WM Recordings e la stessa Acustronica. Cinque lunghe improvvisazioni (ben 4 toccano i 13 minuti) ispirate a tre grandi pianisti jazz, Paul Bley, Bill Evans e Keith Jarrett. Claudio Nuñez suona ogni cosa: pianoforte, basso fretless e udu drum (particolare strumento percussivo originario della Nigeria). E' estremamente piacevole abbandonarsi nella delicata intimità delle note del pianoforte, che sanno essere sia ripide cascate che sporadiche gocce di una pioggia indecisa. L'incedere felpato di "poem iii (canyengue blues)" seduce e incanta rendendo la sua disparità ritmica quasi impercettibile. L'andamento terzinato di "poem iv (zamba de los recuerdos)" mi trasporta a pensieri infantili, quando seduto su una giostra del parco in movimento circolare mi ponevo ardue domande sulla dinamica degli eventi. Nuñez ci regala un'ora di musica da assaporare in silenzio e in una piacevole e beata solitudine.


Claudio Nuñez



Artist: Claudio Nuñez (FB)
Title: December last poems
Label: Acustronica
Style: impro, jazz, piano
Date: December 07, 2012

Monday, 10 December 2012

Entertainment for the Braindead - "Postcard #3: Cologne, Songs for the Breathless" (self released)

"Cologne. A room. Over time I collected quite a bunch of instruments. There are strings to be plucked and wooden sticks to blow air into, things to be hit and things to be shaken, millions of ways to set some kind of material into motion, to make another resonate with sound. If people ask me which was the first one I picked up, I tell them it was the recorder. But actually, if I want to be precise, there was another one before. In fact, the first cords I ever made vibrate were right in my throat, the first body I made resonate my own. Before I could even think of ways to hold or play another instrument, I had already discovered I was equipped with one: a voice. It still took a long time to get to know it and befriend with it. You have to go through the unsettling, dissociating experience of hearing your recorded voice for the first time, and believe me, you won‘t like it. You have to face its flaws and maybe learn to use turn them into benefits. Finally, at a time when my guitar would feel wrong in my hands and the strings of my banjo were only alienating, I sat down in a corner of my bed, stripped of all musical protheses, and decided to finally attempt to make as much use of my one very own instrument as possible. This is the result of that experiment. Cologne 2010 - Berlin 2012" (E.F.T.B.)

Arriva il terzo capitolo della collezione postcard ideata da Entertainment for the Braindead e dedicata a diversi luoghi dell’Europa visitati dalla musicista di Berlino. Come in ogni precedente release è presente una caratteristica particolare che la contraddistingue. In questo caso la presenza quasi unica della sua voce trasporta in un atmosfera semi religiosa. Melodie che sono preghiere cantate in stazioni deserte di paesi del nord. Sovrapposizioni vocali magistralmente calibrate su basi electro-voice. Julia (E.F.T.B.) sa inventarsi un presente in questo nuovo mondo di democratizzazione musicale. Si auto-produce i propri lavori che rende disponibili gratuitamente (e naturalmente con possibilità di donazione), spedisce cartoline hand-made, inforna biscotti e riesce a mantenere con i suoi numerosi follower un rapporto diretto e umano, oltre ad inventarsi mini-tour europei. Una chiara rappresentazione di come i musicisti possono muoversi nel disordine musicale datato 2012. Un esempio da seguire attentamente.


Entertainment for the Braindead

Artist: Entertainment for theBraindead
Title: Postcard #3: Cologne, Songs for theBreathless
Label: self released
Style: a-cappella
Date: December 05, 2012






Saturday, 8 December 2012

Sergi Boal - "Silenci" (self released)

"EL SILENCI ÉS L'ORIGEN 
L'ABSÈNCIA DE SONS
EL SILENCI ÉS LA UTOPIA
QUE EL SOROLL NO ENS IMPEDEIXI ESCOLTAR EL SILENCI"


Torna Sergi Boal, chitarrista spagnolo (Barcellona) che ho potuto apprezzare alcuni mesi fa con lo splendido "Nylon & Turtle", rilasciato dall’accoppiata Acustronica e No Source. In questa nuova release Sergi sperimenta il fai da te promozionale, caricando l'album nel gran minestrone Bandcamp (che in questi giorni sembra che stia tentando una trasformazione verso ambienti più social. Ben venga, se in tutto ciò si mantiene uno spazio di cultura libera propensa alle donazioni). La musica di "Silenci" sa incantare e creare una deliziosa atmosfera negli ambienti in cui espande il proprio suono. Può essere l'abitacolo di un auto nelle ultime ore della notte, la buia stanza notturna vista nell’ottica di un paio di cuffie o una sala da pranzo in attesa di essere addobbata per le festività natalizie. Sergi Boal sa trasmettere calore e poesia, intimità e naturalezza. Musica che dona benessere a mente e corpo. A volte sfiora atteggiamenti lo-fi, quando lievi distorsioni di volumi in rosso graffiano il suono. Sono anche questi particolari che fanno di "Silence" un album colmo di umanità, amichevole...forse come Sergi, che pur non conoscendolo lo considero mio amico.

Sergi Boal






Artist: Sergi Boal
Title: Silenci
Label: self released (Bandcamp)
Style: acoustic, folk, guitar
Date: November 25, 2012





Tuesday, 4 December 2012

Various Artists - "totokoko christmas compilation 3" (totokoko 032)

01. netherland dwarf - ave maria
02. he died while hunting - makeshift (in this room)
03. popolo - dear twinkle
04. m.e. - toy raindrops makes white scene
05. asa - HO
06. AMERICAN GREEN - The Aurora Of Yellowknife That He Saw
07. michikusa - anemone
08. masato abe - After noel
09. mitsuyoshi matsuda - ding dong
10. shingo makino - quechua
11. kazuki uchida - lantern
12. dot tape dot - weird bear whispers sketch 01
13. Makoto Tanaka - W.N
14. sonicbrat - invisible snow
15. zmi - tom-tom
16. conte - 世界の夜明けはいつも

Ed ecco che per il terzo anno consecutivo la netlabel giapponese Totokoko non manca all'appuntamento con la sua consueta compilation natalizia. E i suoni che giungono alle orecchie sono decisamente profumati di festa, di stanze addobbate di luminarie intermittenti e di sorrisi che per questa evenienza sanno nascondere le preoccupazioni che accompagnano i restanti giorni dell'anno. Mi fa piacere incontrare nuovamente he died while hunting, recensiti circa un'anno fa su queste pagine con l'ottimo "We used to dream awake". Mi dondolo su delicati arpeggi di chitarre e pianoforti e tra un'immagine e l'altra mi ritrovo sdraiato su una distesa di neve a fissare le sfumature del cielo (asa - HO). Posate inconsapevolmente ritmiche creano pattern disordinati su tavole imbandite, accompagnando il vociare degli ospiti. Rimango stupito dalla capacità dei musicisti qui presenti di ricreare in chiave moderna una perfetta colonna sonora per le feste natalizie. L'impressione costante è che fuori spensierati fiocchi di neve stiano paracadutandosi lentamente a terra. "Totokoko christmas compilation 3" rappresenta perfettamente il sound proposto dalla netlabel giapponese...semplice, leggero ma colmo di poesia e sensibilità. 


Artist: Various
Title: totokoko christmas compilation 3
Label: totokoko netlabel
Style: folktronica,ambient
Date: December 01, 2012



Sunday, 2 December 2012

Fiona Soe Paing - "Tower of Babel EP" (Black Lantern Music 068)

"Based in Aberdeenshire, Fiona Soe Paing has been evolving her unique brand of experimental, vocal-led electronica since 2007. One of her first home demos, sung in fledgling phrasebook Burmese, was discovered on Myspace by the legendary BBC DJ Charlie Gillett, who included it on one of his 'Sound of the World' compilations, released internationally on Warner Music, alongside artists including Gotan Project and Devendra Banhart. THE TOWER OF BABEL EP is accompanied by a limited edition DVD of music videos by New Zealand animation artist Zennor Alexander. Their previous collaborations have been screened on The Arts Channel on Sky TV New Zealand, as well as at film festivals including Digital Fringe Melbourne and NEON digital arts festival Dundee. Fiona has performed the 'live cinema'-style set with the projected animations at venues including Auckland Art Gallery, Glasgow International Festival of Visual Art and with the National Theatre of Scotland. “...stylish, elegant and sinister...obscure electronica, minimal beats and exotic voice merge seamlessly with animated visuals to evolve into a multi-media artwork." (New Zealand Herald)In early 2012, Fiona was granted funding through Creative Scotland to make new work, and two of the new tracks are included on the TOWER OF BABEL EP." (Black Lantern Music)

I tre brani che compongono "Tower of Babel EP" di Fiona Soe Paing, musicista scozzese (Aberdeen) che giunge al suo secondo lavoro attraverso l'etichetta Black Lantern Music, mi hanno sorpreso sin dal primo ascolto. L'elettronica adoperata in un modo decisamente personale e per niente "tecnico". Un sound essenziale, tra sospensioni ritmiche e voci utilizzate come fossero parte del bank di suoni del software. Electronic-Dark-Soul. Perchè la voce di Fiona, seppur filtrata e sfilante su passerelle psichedeliche possiede una vena soul che immerge di profondità e calore l'intero lavoro. Il groove della title-track è poderoso, nervoso, aggressivo...elettronica sporca e cattiva. Fiona fa tutto da sola ed è sorprendente. Gioia per orecchie un po' malate.

INTERVIEW (Electronic Music Experiment)


Fiona Soe Paing




Artist: Fiona Soe Paing (FB)
Title: Tower of Babel EP
Label: Black LanternMusic
Style: electronica,experimental
Date: November 30, 2012







Wednesday, 28 November 2012

Various Artists - "Hope 3.0" (Element Perspective 111)

''hope3.0'' is the new free compilation of element perspective. Final edition of the series, which lasted three times. This album is made up of 18 artists, who fight on their own effort in the Japanese music scene. We hope that this great work will be sent to people all over the world.
Japan is still full of hope. (Element Perspective)


Element Perspective è riuscita a creare una trepidante attesa per questo nuovo capitolo della collana Hope. Chi segue la netlabel giapponese sui social network ha potuto assaporare nell’arco di due settimane succose anteprime riguardanti Hope 3.0. A partire dal seducente ed elegante art-cover fino ai vari wallpapers allegati alla release. 18 brani di artisti giapponesi che, seppur nelle loro evidenti diversità di genere e stile, riescono a creare un fluido omogeneo che impregna l'album in modo completo. Tutte le tracce meritano un attento ascolto e naturalmente ognuno di noi troverà poi  le proprie preferite. A me è successo con "Wayback" di AUCHRE, dove una base elettricamente quieta viene illuminata da nervose ritmiche elettroniche che gridano speranza. Le profondità sonore di DUB-Russel mi catapultano in crateri di vulcani dimenticati procurandomi un sottile attentato alla psiche. Le ritmiche schizofreniche di "Soleado" di Free Babyronia sono ologrammi di sciabolatori nel bel mezzo di giardini profumati. O la delicata intimità delle note del pianoforte di zmi e mitsuru shimizu, piacevole abbandono dei sensiElement perspective è una di quella poche netlabels che si contraddistinguono con la diffusione di un sound ben caratterizzato, superando con intelligenza il rischio di diventare musicalmente monotoni. Hope 3.0 è musica elettronica (ma non solo) giapponese di alta qualità.

Artist: Various
Title: Hope3.0
Label: ElementPerspective
Style: electronica,acoustic,ambient
Date: November 19, 2012


Sunday, 25 November 2012

Tiny Hazard - "Tiny Hazard" (self released)

Se fossi un mega manager discografico punterei tutto su Tiny Hazard, questa eccezionale band proveniente da Brooklyn. La bravura tecnica dei cinque musicisti si fa sentire nelle elaborate e fantasiose composizioni presenti in questo mini-album d'esordio. Auto definirsi experimental-pop è a mio parere alquanto riduttivo...in questi venti minuti abbondanti di musica c'è racchiusa una piccola enciclopedia della musica moderna. Si respira aria di progressive levigato da abili artigiani. La vocalist Alena Spanger è un vero e proprio strumento che distribuisce note con amore e poesia. Ma tutto l'insieme è poesia sonora, dai leggeri tocchi di piano, alle chitarre distorte, agli accordi ricercati. Un'emotività perfetta che accarezza svariati luoghi della percezione. "You and I" è tra le più emozionanti vibrazioni d'aria arrivate alle mie orecchie in questi ultimi giorni. Ma c'è anche il cambio drastico di atmosfera all'interno di "Don't take me home" al minuto 1:37...da uno sghembo duetto tra voce e piano che si tramuta presto in un dark-reggae ci si ritrova  spiazzati in un power-rock con tanto di gran finale.  Meraviglie della composizione. I Tiny Hazard posseggono quantità elevate di imprevedibilità e cavalcano i generi con "leggera" semplicità arrivando a donare una genuina arte musicale. Sono sicuro che molti altri se ne accorgeranno.

Tiny Hazard




Artist: Tiny Hazard (FB)
Title: TinyHazard
Label: self released (Bandcamp)
Style: experimental,other-pop,progressive
Date: November 17, 2012






Friday, 23 November 2012

The Townhouses - "Diaspora" (Yes Please)

The Townhouses è il progetto del musicista australiano (Melbourne) Leigh Hannah, musicalmente attivo dal 2009 e giunto ora al suo secondo album. "Diaspora" mi ha catturato immediatamente sin dalle prime note del brano d'apertura, "Our trees will grow", dove ritmiche elettroniche minimali si adagiano su sonorità eteree ed il falsetto riverberato della voce rimanda a fotogrammi di band islandesi che ben presto ripongo in tasca e dimentico. Una meticolosa cura delle ritmiche dalle velate influenze provenienti dal continente africano, vibrafoni ed echi misurati, ritagli vocali utilizzati spesso come arricchimento ritmico. "Diaspora" è un album che si pone in bilico tra un'omogeneità sonora e una varietà di stili amalgamati egregiamente tra di loro. Un'accogliente anticamera dalle tinte tenui dove trascorrere alcuni intensi minuti prima di trasferirsi alla fase sognante della nostra psiche. Una delicata e prolungata carezza per le nostre ore notturne, come a voler spazzare via preoccupazioni tramutatesi in polvere durante il giorno sui nostri corpi impegnati. "Diaspora" ha la capacità di ri-sintonizzarmi sugli aspetti positivi della vita, donando allo spirito una beatitudine rara da incontrare. Felix Weatherbourne, Guerre, Rainbow Chan e Giorgio Tuma sono gli ospiti che accompagnano il musicista australiano in questo piccolo capolavoro. "Diaspora" si è impossessato egoisticamente del tempo a mia disposizione per ascoltare musica, rientrando senza alcuna fatica nella mia personale lista degli album da ricordare dell'anno 2012.


The Townhouses (Leigh Hannah)




Artist: TheTownhouses (FB)
Title: Diaspora
Label: Yes Please
Style: electronica,pop,dreamy
Date: November 20, 2012





Wednesday, 21 November 2012

The Fucked Up Beat - "Threnodies for Schizophrenic Seas" (HAZE netlabel 172)

"Songs recorded in NY during a hurricane (November 2012).
Experimental Schizo Noir Trip Hop. The Fucked Up Beat. A sound project by Eddie Palmer of New York, NY and Brett Zehner of San Diego, CA created in October 2011. Songs are recorded through e-mail using keyboards, experimental percussion and field recordings. Beats/Field Recordings by B.Zehner. Sounds/Instruments by E.Palmer. Music for Non Fascist Living. Capitalism Is An Abusive Relationship."

La scura tribalità del suono The Fucked Up Beat mi conquista ascolto dopo ascolto. Usciti poco meno di un mese fa per PICPACK con l'album "Apparatus for Controlling the Mechanism of Floating Vessels", tornano ora con HAZE Netlabel (Bielorussia) con questo nuovo "Threnodies for Schizophrenic Seas". Eddie Palmer e Brett Zehner hanno registrato queste tracce mentre New York era impegnata a difendersi dall'uragano Sandy. Il meticoloso lavoro di collage musicali continua anche in questo nuovo album, collezionando sample old-jazz e soundtracks di pellicole in bianco e nero. Il tutto ricontestualizzato in un ambiente ombroso e fumoso , in una rigida attesa di un evento naturale impossibile da dominare. Da una grande vetrata di un grattacielo di New York l'uragano assume le sembianze di un gigante affamato. Un concept album dai titoli iper-descrittivi che stupisce per l'omogeneità delle sue sonorità imbevute di un trip-tribal-hop impegnato e concettuale.


Artist: The Fucked Up Beat (FB)
Title: Threnodies for Schizophrenic Seas
Label: HAZE netlabel
Style: sound-collage, experimental
Date: November 13, 2012

The Fucked Up Beat - "Schizophrenic Trees/ A Storm"
The Fucked Up Beat - "A Sea Shanty For Staten Island Ships/ Holy the Solitudes of Skyscrapers and Pavements!"


Sunday, 18 November 2012

Yutaka Hirasaka - "Librecord" (self released)

Un breve minimal-blues consegna il benvenuto di questo delizioso album. Pace orientale, dimensioni a noi poco conosciute. Giardini fioriti e profumati, l’ordine e l’arte della disposizione.Vibrazioni atmosferiche a forma di goccia. Dita che tracciano due linee parallele sui contorni degli occhi. Aromi di caffè profumano la stanza appena risvegliata. Una bambina danza ariosa sulle note di un pianoforte in lontananza, inconsapevole delle malvagitá nascoste della vita. Continui a rovistare tra i cespugli, perseguitato dal tuo fiato asmatico, alla ricerca della bellezza estetica e spirituale. Dolce inconsapevolezza dell’essere, incastonata tra melodie all’unisono e a pietre racchiuse in bicchieri di vetro dai colori tenui. "Librecord" di Yutaka Hirasaka è un regalo ai miei sensi, timidamente innaffiati da un umida beatitudine.



Artist: Yutaka Hirasaka (FB) (SC) (TW)
Title: Librecord
Label: self released (Bandcamp)
Style: acoustic, folk
Date: November 15, 2012

RELEASE PAGE









Saturday, 17 November 2012

Alexandre Navarro - "Cycles EP" (Laverna 054)

"La ciclicità, il continuo flusso circolare del suono che si riproduce creando altro suono. Un percorso suggestivo che rende ipnotico l'ascolto e lo trasforma in visione. Alexandre Navarro dimostra di essere un maestro nell'uso di questa tecnica donando a Laverna un piccolo capolavoro di architettura sonora formato da cinque stanze, tra loro diverse, ma tutte abitate dall'arte dell'iterazione. Ambienti di lucida ed elegante ars electronica nei quali poter amplificare la propria percezione per avvicinarsi il più possibile al suono creato dal silenzio. Dentro questa release troverete la chiave d'accesso per altri mondi che pian piano sveleranno le loro coordinate al viaggiatore oramai perduto dentro le spire dell'incanto. Un suggestivo sortilegio firmato Alexandre Navarro." (Mirco Salvadori)

Si, onde, fotogrammi di marea in sequenza disordinata, schiuma che lentamente si tramuta in un'esultante festa bianco-trasparente. Una lunga e impalpabile caduta in un vuoto liquido. Fruscii che suonano unendosi come cellule a vibrazioni ritmiche che si concedono di disperdersi nel tempo. Disturbi elettrici che creano profonde e disordinate tessiture in ripetizione. Piccoli rumori che dialogano con se stessi ponendosi pretenziose domande esistenziali. Cicli. L'evoluzione che prosegue calpestando i medesimi errori sputandone a terra di nuovi. Abbracciati nello spazio a guardare l'universo che si agita impercettibilmente accanto a noi. "Cycles" è' l'incessante successione degli eventi, la ciclicità degli avvenimenti e quell'impercettibile movimento universale che amichevolmente ci accompagna.

Alexandre Navarro

Title: Cycles EP
Label: Laverna
Style: electronica, ambient
Date: November 15, 2012


Alexandre Navarro -"Cycles"
Alexandre Navarro - "Wait Then Wait"





Thursday, 15 November 2012

Nye - "Jackrabbit Ep" (Yo! Netlabel)

"Nye is a California Born Artist who's stylings originate in ambient and r&b coupled with heavy stylings with synth music and intricate bass lines and heavy hitting riffs. Originating in The underground electronic scene of Los angeles with albums like "A.M Transmissions" and "Aquamarine"Nye during his formative years of producing music had undergone a personal and professional change within his music changing tones from high hitting bass to low synths and growling bass lines. Currently Nye is Experimenting with multiple genres and collaborating with Chicago Rapper and Producer Quays for a new album entitled "Squared" slate for release in early summer of 2013. Nye draws his inspiration From a variety of Artist including mf DOOM, Flying lotus and urban jazz classics."

Nuova release per l'italiana Yo! Netlabel guidata da Giovanni Amoroso, che dopo averci deliziato l'estate con il malinconico "Impossible Roncea EP", eccola tornare sulle scene net-audio con questo "Jackrabbit Ep" del californiano Nye. Quattro tracce semplici ed immediate, lente e trascinanti. L'apertura spetta ad "Antennas", dub notturno prosciugato dagli echi, fari abbaglianti in una notte piovosa, tra flauti ammaliatori e pianoforti da club fumoso. "June of 95" è un electro-blues che colpisce al petto con i suoi bassi profondi e che rimane prigioniero della memoria grazie alla sua innocente semplicità. "Ruins", che si appoggia su un basso synth ostinato ed una ritmica asciutta che fanno da base a ripetuti vocal-sounds, è a mio parere il brano meno "riuscito" dei quattro. "Lost signal" si avventura invece su ritmiche hip-hop, voci sussurrate e loop filtrati. "Jackrabbit" è un Ep con un sound che potrebbe trovarsi completamente a suo agio nel catalogo Dusted Wax Kingdom.

Nye




Artist: Nye (FB)
Title: JackrabbitEp
Label: Yo!Netlabel
Style: electro-acoustic, slow
Date: November 12, 2012



Nye - "Antennas"
Nye - "June of95"

Tuesday, 13 November 2012

Plaistow - "Ce Qu’il Reste à Dire" (self released)


1. Les Oiseaux (5’32)
2. Ce Qu’il Reste à Dire (4’34)

music by Plaistow, texts by Arm


Johann Bourquenez, piano
Vincent Ruiz, doublebass
Cyril Bondi, drums
Arm, voice


Torno a parlare di Plaistow, superlativa band svizzera recensita su queste pagine ad inizio anno con l’ottimo Lacrimosa, quaranta minuti di post-jazz suonati egregiamente. Dopo innumerevoli date compiute durante questo anno in Russia e nell’est europeo, la band esce ora con due brani scaricabili gratuitamente dal loro nuovo sito, ben curato e pieno di informazioni riguardanti la loro attivitá. Mi sembra quasi inutile sprecare parole per questa musica. La cosa migliore è abbandonarsi alla bravura e alla sensibilitá di questi tre musicisti che sanno dialogare tra di loro in maniera impressionante. I due video correlati alla release dimostrano ampiamente il feeling che riescono ad ottenere nelle loro performance. Ce Qu’il Reste à Dire, il brano che intitola la release, ha come ospite Arm, che con la sua voce cavernosa accompagna con un testo profondo le note appena sfiorate dalla band svizzera in una composizione struggente e al tempo stesso delicata. I Plaistow hanno la preziosa capacità di irradiare arte in tutto ciò che fanno, dai video alla musica fino alle foto distribuite in rete.



Plaistow - Johann Bourquenez (Piano)



Artist: Plaistow
Title: Ce Qu’il Reste à Dire
Label: self released
Style: jazz/fusion
Date: November 06, 2012

DOWNLOAD






Les Oiseaux from Plaistow on Vimeo.

Sunday, 11 November 2012

Cceruleann - "Cceruleann EP" (HUG Records 005)

Cceruleann sono un duo composto da fratello e sorella, Elliott & Marilyn Baker, divisi "solamente" dall’oceano atlantico, visto che risiedono rispettivamente a Denver e a Londra. Ed è a Denver che ha base HUG Records, l’etichetta che rilascia questo album omonimo di Cceruleann, costola del collettivo Holy Underground Music. 6 tracce di electro/dreamy/pop di gran classe, essenziale ed efficace. Bassi sequencer, drumming in 4 ben scanditi e finali di tracce sfumati, come si usavano tanto nei tempi passati. E' la voce di Marilyn, spesso estesa da grandi riverberi, l’elemento che maggiormente rende l’atmosfera di questo album così dreamy ed eterea. Le tastiere dominano ampiamente l’intero lavoro con una ricerca accurata dei suoni, tutti opportunamente scelti da una libreria r.e.m. personalizzata. Le melodie vocali trasportano ad altitudini ai confini dell'esosfera. A metá strada tra l’electro-pop eighties dei Propaganda e le atmosfere bucoliche alla Cocteau Twins. Uno dei migliori pop album ascoltati in questo autunno.

Cceruleann


Artist: Cceruleann (FB)
Title: Cceruleann EP
Label: HUG Records
Style: electro-pop/dreamy
Date: November 07, 2012







Saturday, 10 November 2012

Gli Heavy Metal - "Gliheavymetal" (Paragrafo Records 023)

Nuova creazione per Alessandro Denti, già ideatore del progetto Due Samoani. Dopo il pregevole e visionario "Saturare Cubicolae" del 2011 e l'intimità malinconica di "Just guitars" dell'Aprile 2012, ecco tornare il chitarrista brianzolo con un duo nominato "Gli Heavy Metal", in collaborazione con il chitarrista Alessandro Di Nino (Mr.DiniZ). Un nome che trae in inganno perchè di heavy metal all'interno di queste due lunghe tracce ce n'è in quantità irrilevante. Sulla sua pagina Facebook Alessandro presenta questo album come "due tracce da venti minuti di noise praticamente inascoltabili per il 90% (stando larghi) della popolazione mondiale, ma giuro che qualcuno ne rimarrà stupito. O forse no? Chissà." Io faccio parte del restante 10%. Poco più di mezzora di viaggio psichedelico, chitarre in loop, pedalini, effetti, noise. Una sinergia eccezionale tra i due chitarristi che si abbandonano a violenze sonore vicine ad alterazioni mentali da psicofarmaci. Gli ultimi 2 minuti del Lato A sono magma sonoro, una caduta libera dentro alle viscere della terra. Visioni in successione...urla di animali preistorici in fase di attacco, ossessivi timer luminosi incollati alle vetrate di grattacieli indifferenziati che continuano a ricordarci i giorni di permanenza su questa terra. Passeggiate barcollanti tra le saldature di schede audio imbevute in acido lisergico liquido. Prove tecniche di contatti sonori con gli alieni. Consiglio: cuffie, volume audio medio-alto, occhi chiusi...30 minuti di completa estraniazione da questo mondo sono assicurati (e non dovete neanche scendere in strada a cercare il pusher). Peccato che Paragrafo Records non fornisce nemmeno un link audio per lo streaming e la condivisione...a nulla sono serviti i miei consigli.

Artist: Gli Heavy Metal
Title: Gliheavymetal
Label: ParagrafoRecords
Style: impro/guitar/psychedelic
Date: November 04, 2012